I’ve just seen a face è una canzone dei Beatles, scritta da Paul McCartney. Sulla paternità di questo brano non vi sono dubbi. “È suo” disse Lennon, “È mio completamente” disse McCartney, per buona pace dei divisionisti beatlesiani.

I’ve just sera a face esce nel famoso album dei Beatles Help nel 1965. In America, invece, con la Capital Records è stata pubblicata nell’album Rubber Soul. In realtà Sir Paul aveva composto il brano mesi prima, e lo aveva fatto ascoltare a vari membri della sua famiglia. Pare che si divertisse spesso ad intrattenere gli amici con canzoni stile western.Inizialmente, in onore della giovane zia, che parve gradire molto il brano, lo aveva intitolato Auntie Gin’s Theme.

The Beatles Abbey Road

I Beatles in una immagine che li regalò alla storia

Una atipica canzone dei Beatles

Una canzone senz’altro atipica per il gruppo di Liverpool. È la prima interamente acustica registrata dai Beatles.Non vi è neanche traccia del basso elettrico che invece compare in You have got to hide your love away, a torto ritenuta il primo unplugged della band. Lo stesso McCartney definisce I’ve just seen a face come una canzone western, veloce, “una strana cosina svelta”. Il testo, insieme alla musica, serve a trascinare l’ascoltatore, insistentemente e senza tregua. La formazione della prima registrazione in studio del 1965 è strepitosa. Sir Paul, voce chitarra acustica e chitarra solistica, Lennon chitarra ritmica, Harrison chitarra acustica solistica. Immancabile Ringo Starr che in questo brano si esibisce con maracas e rullante spazzolato.

La cover di Brandi Carlile

I’ve just seen a face proprio per le sue peculiarità venne inserita dalla rivista Rolling Stone al numero 58  tra le 100 canzoni più belle dei Beatles. Impossibile passare inosservata agli amanti del genere country-western. A cadere nella tentazione della cover anche la talentuosa Brandi Carlile. Classe 1981, la cantautrice statunitense debutta a soli otto anni su un palcoscenico, a fianco della madre. Sedicenne diventa corista di un sosia di Elvis Presley. Ma è nel 2004 che riesce ad ottenere un contratto con la Columbia RecordsI’ve just seen a face diventa un pezzo quasi fisso del suo repertorio live. La sua versione non aggiunge nulla di originale a quella di McCartney. Del resto stiamo parlando di Sir Paul, un Re difficile da espropriare…